Ghost of Tsushima: esplora il mondo di Tsushima

Ghost of Tsushima è in dirittura d’arrivo. Tra pochi giorni potrete immergervi nel Giappone feudale dove vestirete i panni di Jin Sakai, un samurai errante che lotta per difendere la sua terra, l’isola di Tsushima.

Tsushima esiste veramente: è un’isola situata tra il Giappone e la penisola coreana. Sembra che il verde ricopra ogni metro quadro dell’isola, con alberi che si stagliano dalle cime delle montagne fino alle rive dell’oceano.

questa versione di Tsushima non è una fedele riproduzione dell’isola realmente esistente, bensì è un omaggio a tutte le parti che la compongono. sono stati presi alcuni elementi essenziali dell’isola e sono stati combinati con altre caratteristiche del Giappone per realizzare il mondo unico di Ghost. i rumori della natura e canti di uccelli, le foglie dell’isola di Tsushima usate nel gioco sono completamente stati registrati e osservati dalla reale Isola. 

Ghost of Tsushima è di gran lunga il gioco più vasto che sia stato mai realizzato. La mappa è divisa in tre regioni che contengono più di quaranta biomi differenti e centinaia di luoghi d’interesse. Attraverserete foreste lussureggianti, paludi acquitrinose e montagne innevate. Per sviluppare l’ambiente di gioco e stato tratto spunto da tantissimi film, giochi, quadri e perfino locandine turistiche.

Il mondo di Tsushima si regge su due cardini: bellezza della natura e strutture artificiali. Mentre esplorerete l’isola potrete seguire una serie di portali torri fino a raggiungere un santuario perduto o trovare una capanna di pescatori abbandonata. Tsushima è disseminata di centinaia di posti da esplorare e di ricompense nascoste da scovare. A seconda della regione, ogni luogo possiede una propria identità; ad esempio, la città di Akashima si trova in una zona paludosa: il muschio cresce su ogni superficie, il terreno è coperto da un filo di nebbia e l’incenso brucia vicino alle campane sacre. Potrete perfino sentire il gracidio delle rane. È un luogo misterioso e intrigante.

Ghost of Tsushima: realizzare il mondo di Tsushima

La natura svolge un ruolo importante nel mondo di Tsushima perché crea una serie di colori accesi e contrastanti che vanno a formare l’identità del nostro gioco.

Forse già sapete che in Ghost of Tsushima è presente una meccanica di gioco unica chiamata “Vento guida”: in qualsiasi momento i giocatori possono invocare una folata di vento che indicherà la loro destinazione; mentre soffia il vento, i giocatori vedranno il mondo che reagisce intorno a loro: foglie, drappi e polvere mostreranno la direzione da seguire. Ma questo non è l’unico ruolo del vento.

Immaginate la più classica delle scene dei film di samurai: due guerrieri in mezzo a un prato, spade alla mano, che si fissano negli occhi senza muovere un muscolo e trattengono il fiato in attesa della prossima mossa. Dietro a quell’immobilità c’è un mondo in movimento. L’erba ondeggia, nell’aria volano foglie, i vestiti sono mossi dal vento e la pioggia cade dal cielo picchiettando su ogni superficie; quando sale la tensione, questo mondo deve sottolineare quella sensazione, staticità contro movimento, così da farvi vivere un momento cinematografico.

Ghost of Tsushima: realizzare il mondo di Tsushima

Piante che crescono in una foresta:

Ghost of Tsushima: realizzare il mondo di Tsushima

Creazione dell’erba:

Ghost of Tsushima: realizzare il mondo di Tsushima

Qui potete vedere milioni di fili d’erba caricati insieme:

Ghost of Tsushima: realizzare il mondo di Tsushima

Tsushima non è soltanto una grande raccolta di luoghi diversi tra loro, è un mondo che cambia in continuazione. Potrete ritrovarvi in cima a una scogliera e notare una tempesta all’orizzonte; mentre attraversate un ponte le nuvole potrebbero coprire il sole e scatenare un acquazzone; magari vi state intrufolando in un accampamento mongolo in una notte nebbiosa, per poi osservare una meravigliosa alba in riva all’oceano pochi attimi dopo…  È un insieme dinamico.

Esplorare il mondo di Tsushima è una parte centrale del gioco e l’ambiente è come se fosse un personaggio vivente, un personaggio affascinante e onnipresente che respira, si muove e ha una propria personalità.

Uscita: 17 luglio.